Archivio news 21/05/2020

L'ANGOLO DELLA LETTURA - EPISODIO 8

L’Academy consiglia Non chiamatemi Bubu” – L’autobiografia di Chicco Evani

“Batte Evani… attenzione gol! Ha segnato Chicco Evani! Ancora una volta è lui che risolve la partita! Chicco Evani, che aveva regalato la Supercoppa al Milan contro il Barcellona, sta regalando il titolo di Campione mondiale per club ai rossoneri! Battuto René Higuita e gol di Chicco Evani!“
https://www.youtube.com/watch?v=7FQJRl0PWr4

Libro per tutti: Non chiamatemi Bubu” – L’autobiografia di Chicco Evani con Lucilla Granata

https://www.youtube.com/watch?v=fExkAe1Lufg

La timidezza e la discrezione (ereditate dal padre e da lui spesso definita “senso del pudore”) vengono vinte da Evani per far addentrare il lettore in un fenomeno unico: il Milan a cavallo tra il 1980 ed il 1993 (dagli anni della B a quelli dei trionfi nel mondo). Arrigo Sacchi è il profeta che permette ad una macchina da cross (per Massaro in particolare), di issarsi da protagonista sul tetto del mondo (la folgorante punizione contro Higuita ed il rigore in finale a Pasadena sono ricordi pluricitati nel libro, con tanto di Toyota vinta in premio). Ad accompagnare i campioni incontrati e le vittorie ottenute sono gli infortuni che hanno tormentato con regolarità Evani in occasione delle grandi manifestazioni (Olimpiadi e Mondiali con l’Italia in particolar modo). Rispetto alle comuni biografie di sportivi risulta interessante la scelta di alternare a capitoli di “lavoro” parti dedicate alla vita privata: il rapporto con i genitori (commovente la lettera scritta alla madre), la crescita dei 4 figli ed il rapporto con la moglie. Tutto ciò delinea una persona semplice e comune, ma di grandi valori: senso della responsabilità, dedizione al lavoro e amore discreto per la famiglia su tutti. E quasi a voler confermare ciò, il libro si conclude con delle testimonianze dirette di calciatori rimasti legati ad Evani (si va da Baresi a Mancini, passando per Salsano e Massaro) che raccontano la lealtà e la serietà di uno che prima che calciatore ed allenatore è un uomo.

In questo momento sicuramente delicato finalmente un libro in cui un Campione ci racconta lo sguardo semplice e genuino di questo Gioco. Quasi un promemoria per una futura e prossima ripartenza. È un racconto che fa del sentimento la sua linea guida principale. Che non solo racconta la classica storia di calciatore ma soprattutto la Vita di un Uomo che, vincendo le sue difficoltà ad “aprirsi”, decide di raccontare al pubblico la propria storia.